le pericolosità sul territorio

le pericolosità sul territorio

Quando parliamo  di protezione civile, il rischio è rappresentato dalla possibilità che un fenomeno naturale, una nevicata, il caldo d’estate o il freddo d’inverno troppo intensi, un terremoto o indotto dalle attività dell’uomo, un incidente industriale, possa causare effetti dannosi sulla popolazione, gli insediamenti abitativi e produttivi e le infrastrutture, all’interno di una particolare area, in un determinato periodo di tempo.

Per sintetizzare il concetto  di RISCHIO usualmente si usa rappresentarlo con una formula :

formrisch
dove

= Pericolosità: la probabilità che un fenomeno di una determinata intensità si verifichi in un certo periodo di tempo, in una data area.
= Vulnerabilità: la vulnerabilità di un elemento (persone, edifici, infrastrutture, attività economiche) è la propensione a subire danneggiamenti in conseguenza delle sollecitazioni indotte da un evento di una certa intensità.
E = Esposizione o Valore esposto: è il numero di unità (o “valore”) di ognuno degli elementi a rischio presenti in una data area, come le vite umane o gli insediamenti.

Quindi Rischio e Pericolo non sono dunque la stessa cosa: il pericolo è rappresentato dall’evento calamitoso che può colpire una certa area (la causa), il rischio è rappresentato dalle sue possibili conseguenze, cioè dal danno che ci si può attendere (l’effetto).
Per valutare concretamente un rischio, quindi, non è sufficiente conoscere il pericolo, ma occorre anche stimare attentamente il valore esposto, cioè i beni presenti sul territorio che possono essere coinvolti da un evento, e la loro vulnerabilità.

A denominatore della formula compare la Resilienza, un fattore che contribuisce a rendere il più piccolo possibile il rischio che insiste su una comunità. Maggiore sarà la Resilienza, minore sarà il rischio.

Ma che cosa è la Resilienza?  Possiamo definire la Resilienza come la capacità di una comunità di affrontare gli eventi calamitosi, di superarli e di uscirne rafforzata o addirittura trasformata. Come? Attraverso la conoscenza del proprio territorio, attraverso la conoscenza di cosa fare se…, attraverso l’ aumento del proprio senso civico dell’ essere e del fare, attraverso la consapevolezza di avere informazioni tempestive ed efficaci.

irischi

RischiIDRO

RischioSismico

RischioINCINter

RischioNeve

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi